Polizza Business Interruption: metti al sicuro la tua azienda con BIG

 In Approfondimenti, News, Piani Aziendali

È triste ammetterlo, ma gli eventi catastrofali nel nostro Paese sono ormai all’ordine del giorno. Tra ponti che crollano, nubifragi, bombe d’acqua, terremoti e incendi, la cronaca ci informa di quanta incertezza ci sia nel nostro quotidiano.

Se per un civile la situazione prelude a disagi e inquietudine, per un’azienda queste dinamiche determinano anche una perdita economica imprevista, spesso di entità ingente. Fermo di produzione per interruzione della linea elettrica, mancanza di personale impossibilitato a raggiungere il posto di lavoro, traffici commerciali su ruote paralizzati da strade impraticabili sono solo alcuni dei danni che un’impresa produttiva, commerciale o di servizi può subire suo malgrado.

Per rispondere alla crisi determinata da danni indiretti,  ovvero non direttamente causati dall’evento dannoso ma da esso derivati, il mercato assicurativo ha predisposto una polizza “salvagente” atta a risarcire l’impresa della perdita di guadagno: è la polizza Business Interruption, altrimenti detta Polizza da Fermo Attività.

Scopriamola insieme:

Cos’è la Polizza Business Interruption?
Come evitare la crisi aziendale per danni indiretti
Polizza Business Interruption per PMI e grandi società
Cosa copre la Polizza Business Interruption?
La Polizza Business Interruption nell’Era Digitale: approfondisci con BIG

Polizza Business Interruption: conosciamola meglio

Per tradizione si è soliti considerare la polizza All Risks come la polizza ombrello contro ogni sfortuna possa capitare a un’azienda. Invece, oltre al danno materiale e diretto, il contraente dovrebbe valutare anche come affrontare i danni indiretti che arrivano dall’esterno e che non sono di propria competenza, ma che implicano all’azienda esiti negativi come:

  • un calo della produttività;
  • una diminuzione dei ricavi di vendita;
  • un’ingente perdita dal punto di vista economico;
  • e a numerose spese fisse da corrispondere, per definizione, anche in caso di fermo attività.

Inutile nascondere che questi effetti possono assumere dimensioni molto rilevanti e provocare dei risvolti a volte drammatici nella vita aziendale, mettendone in pericolo la situazione finanziaria.

GLOSSARIO: Danni da fermo produzione e indiretti

Per “DANNI INDIRETTI” si intende la perdita di produttività che un’azienda ha subito a seguito di un danno diretto (incendio, eventi atmosferici e catastrofali), che abbia interessato un determinato impianto / macchinario / immobile, divenuto inutilizzabile a seguito del suddetto evento dannoso.

La somma dei costi fissi aziendali e dell’utile non percepito a seguito dell’indisponibilità del bene oggetto del sinistro, compongono il danno indiretto. Nella valutazione delle perdite indirette occorre tener conto di numerosi fattori, tra cui i bilanci aziendali, l’andamento dell’azienda nei periodi ante-sinistro, programmazione future di lavorazioni e ogni altro tipo di elemento pertinente.

Come evitare la crisi aziendale?

Dalle tradizionali indaghi di mercato risulta che la continuità aziendale è una delle preoccupazioni maggiori dell’imprenditore italiano. Ciònonostante solo il 20% delle aziende assicurate per l’RC terzi ha assicurato anche il danno indiretto (Business Interruption). Una soluzione efficace è la creazione di un’adeguata protezione assicurativa unita ad una corretta gestione delle misure di tutela dai rischi.

Mantenere l’azienda indenne dalle conseguenze economiche negative dovute all’interruzione dei ricavi operativi è la prima cosa da fare. Ecco quindi che la copertura fermo attività elaborata da BIG Insurance Brokers permette a chi la sottoscrive di mantenere nel tempo un flusso costante di cassa e “gode del vantaggio di poter essere posta a garanzia dei fidi nei confronti delle banche, offrendo un’ulteriore conferma della solidità economica della ditta”.

La formula di assicurazione oggi più diffusa è quella a “Margine di Contribuzione”: una forma che protegge l’azienda dalla perdita del Margine di Contribuzione (differenza tra ricavi e costi variabili).

A chi si rivolge la polizza business interruption?

La polizza Business Interruption (o di fermo attività) si rivolge alle imprese impresa produttive, commerciali e di servizi micro, piccole e medie. Non è quindi una prerogativa delle grandi imprese assicurarsi continuità produttiva: tutte le aziende hanno il diritto di preservare la propria attività.

ASSICURAZIONE PER D&O ED RC PROFESSIONALE

Cosa copre e come funziona la polizza Business Interruption (detta anche Polizza per fermo d’attività da danni indiretti)?

L’assicurazione Business Interruption prevede l’indennizzo (sotto forma di diaria) delle perdite che derivano dall’interruzione totale o parziale dell’attività dichiarata dovuta a:

  • impossibilità di accesso nei locali aziendali per effetto di provvedimenti dell’Autorità Pubblica e/o Giudiziaria
  • impossibilità di accesso nei locali aziendali per effetto di bonifiche ambientali imposte
  • sequestro dei locali aziendali a seguito di incidenti sul lavoro con esiti mortali o da cui derivino lesioni gravissime
  • prolungamento del divieto di accesso ai locali aziendali per effetto di provvedimenti dell’Autorità Pubblica e/o Giudiziaria
  • interruzione della fornitura elettrica, di acqua, gas o linea telefonica per effetto di un danno materiale diretto subito dal fornitore della società di tali servizi
  • danno materiale diretto subito da fornitori e clienti della società, da cui la società stessa sia dipendente per lo svolgimento della sua attività
  • indennizzo dei maggiori costi sostenuti per riprendere le attività
  • copertura relativa a penali dovute alla clientela a seguito di mancato o ritardato adempimento contrattuale
  • rimborso (sotto forma di diaria) delle spese sostenute in caso di inabilità al lavoro da parte di prestatori di lavoro definiti KEY MAN.

Una vera e propria alleata contro ogni avversità!

LA BUSINESS INTERRUPTION NELL’ERA DIGITALE

*Le informazioni riportate non costituiscono contratto e non impegnano il broker o l’assicuratore per il quale valgono le condizioni contrattuali sottoscritte tra le parti. Leggere attentamente il fascicolo informativo di polizza prima della sottoscrizione.

Recommended Posts