Come investire la liquidità aziendale in eccesso?

 In Investimenti

La gestione della liquidità aziendale è un tema chiave per le imprese di oggi che vogliono guardare al futuro con fiducia. Inflazione, costi di gestione, tassi negativi, mercati fluttuanti e legislazioni in cambiamento possono costituire una minaccia per il capitale. Investire diventa la chiave per crescere. Ma come?

L’incertezza dei mercati e l’impatto economico dei tassi negativi costringe molte PMI a rivedere le modalità di utilizzo e gestione della liquidità aziendale.

Avere accesso alla liquidità ogni volta che ce n’è bisogno è indubbiamente un valore immenso per l’impresa, ma allo stesso tempo avere una liquidità aziendale in eccesso inutilizzata può essere controproducente per il suo benessere e la crescita del business. Avere del denaro fermo genera costi e in questa condizione di staticità il capitale subisce l’impatto dei tassi negativi.

Investire la liquidità aziendale

Esistono però formule di investimento per le liquidità in eccesso che mettono a rendita il capitale con piani di investimento a breve, medio e lungo termine. Banche e Assicurazioni offrono conti deposito aziendali e soluzioni di investimento di liquidità dedicate.

Prima di affidarsi all’una o all’altra occorre avere ben chiaro:

1. quanto investire della liquidità aziendale,
2. come investire la liquidità aziendale,
3. perché investire la liquidità aziendale.

Solo così il tema della Gestione della Liquidità aziendale sarà per le imprese un terreno fertile e propizio.

CASE HISTORY INVESTIMENTI AZIENDALI

Il team di BIG Brokers, dalla sua esperienza pluriennale nelle soluzioni di investimento assicurative, dopo un’ampia analisi sull’azienda, sugli obiettivi e sulle esigenze le propone  soluzioni innovative di recente costituzione con diversi vantaggi. Leggi la nostra Case History.

Cos’è la liquidità aziendale?

Prima di addentrarci in possibili soluzioni è bene identificare il tema della questione: cos’è la liquidità aziendale?

Per definizione, la liquidità aziendale è la disponibilità di mezzi di pagamento a brevissimo termine, nell’accezione più restrittiva, è sinonimo di moneta, di disponibilità immediata di denaro contante (cassa, conto corrente banca/postale…), ciò che è disponibile immediatamente e/o di diverse altre forme di Titoli di Pagamento (nominali o al portatore), equivalenti, ma comunque monetizzabili immediatamente.

Entrando più nello specifico possiamo anche fare un ulteriore approfondimento andando ad analizzare gli indici di bilancio e distinguere in:

Indice di liquidità immediata, ovvero il rapporto tra le attività disponibili (denaro in cassa e in banca, titoli a breve scadenza, crediti in scadenza a breve) e i debiti a breve termine (RID in scadenza, assegni, spese correnti e sistematiche).

Indice di liquidità totale, ovvero il rapporto tra le attività disponibili + le attività realizzabili (materie prime, merci, scorte, servizi in erogazione che, nel breve periodo, possono essere convertite in denaro) in rapporto, appunto, ai debiti a breve termine. In questo rapporto, definito il più importante nella valutazione della liquidità aziendale, il risultato ottimale è pari almeno a 2 (due) ovvero quando l’attivo disponibile e realizzabile sia almeno il doppio dei debiti a breve termine. In questo caso un’azienda si può definire, appunto “liquida”.

Metti a rendita le giacenze dei conti correnti: assicura il tuo futuro con BIG

Scopri tutte le opportunità finanziare assicurative sulla nostra pagina dedicata!

Oggi, grazie all’innovazione digitale e a commercialisti preparati, è possibile facilmente calcolare questi indici di liquidità aziendale e quindi individuare gli scenari possibili.

Le soluzioni di BIG Insurance Brokers per la gestione della liquidità aziendale rispondono alle necessità della tesoreria delle aziende, consentendo di gestire in maniera efficace la liquidità in eccesso nel medio/lungo termine e di ottenere il rendimento migliore data la natura e la disponibilità nel tempo delle somme in giacenza.

La nostra offerta si articola dai prodotti più legati alle transazioni di incasso e pagamento, passando ai migliori prodotti di investimento assicurativo sul mercato.

Come e dove investire la liquidità aziendale?

Solo un’analisi delle esigenze aziendali potrà dare le indicazioni per una buona gestione del denaro disponibile in azienda.

Per costruire un progetto di investimento della liquidità aziendale occorre prima verificare tre fattori:

Tempo: anzitutto devono poi verificare eventuali indebitamenti, mutui, prestiti, modalità e tempistica dei prelevamenti, previdenza…: il tempo in cui il capitale sarà investito senza essere prelevato e quindi escluso da ogni forma di utilizzo aziendale è importante per definire un piano di investimento. Come avviene per i privati, più lungo è il tempo dell’investimento maggiori saranno i guadagni. Generalmente si prevedono piani di investimento in base a periodo di tempo: breve termine (3 anni), medio termine (3/5 anni), lungo termine (5/10 anni).

Capitale: Successivamente è bene identificare quanta di quella liquidità disponibile è bene mantenere in azienda (o su un conto corrente libero) e averla subito disponibile e quante invece rappresenta un surplus da investire.

Propensione al rischio del titolare o dei soci aziendali: se è vero che chi investe nutre fiducia nello strumento, può essere che senta la necessità di avere “una via di fuga” dal vincolo sottoscritto; proprio in funzione della sua tranquillità è bene sapere che esistono delle possibilità di investimento non vincolate che andremo a definire in fase di progettazione della strategia aziendale.

Qual è il capitale minimo che un’azienda dovrebbe investire? Qual è il momento giusto?

Il capitale minimo che un’azienda dovrebbe investire è rappresentato dalla liquidità in eccesso che non è necessaria nell’immediato, considerando sia le spese ordinarie che straordinarie. Il momento giusto dipende anche dalla maturità dell’azienda e dai flussi di cassa, se sono stabili nel tempo l’investimento della liquidità in eccesso non sarà necessario per la normale attività dell’azienda.

Perché oggi un broker assicurativo è meglio di una banca? Qual è il valore aggiunto? Quali sono le garanzie?

In questo periodo storico di tassi negativi, molte banche hanno deciso di applicare dei costi o commissioni sui conti correnti con troppa liquidità incentivando così agli investimenti o alle soluzioni proposte dalle stesse. Molte di queste soluzioni spesso sono inefficienti e molto costose volte solo a rimpolpare i bilanci delle banche con interessi e commissioni anche sulla vendita di determinati prodotti.

Affidarsi a delle soluzioni assicurative può essere un’alternativa, è bene però scegliere il partner adatto. Noi di BIG puntiamo alla trasparenza, all’ampia personalizzazione ed alla semplicità, offrendo delle soluzioni a costi sotto la media del mercato con garanzie del capitale investito selezionate tra i migliori partner assicurativi a livello europeo ed internazionale con cui BIG Insurance Brokers collabora quotidianamente.

Naturalmente l’investimento assicurativo offre dei vantaggi alle aziende, tra cui:

  • La semplificazione contabile, con la polizza sarà necessario indicare solamente un dato nel bilancio della società senza rischi di errore (il valore o NAV al 31.12)
  • Copertura del rischio in caso morte del Key Man
  • Regime fiscale semplificato, assoggettamento ad imposta di bollo con cap a 14.000 per anno, nessun assoggettamento ad imposta sostitutiva.

Vuoi saperne di più?

Contattaci e aggiungi valore alla tua impresa.

LIQUIDITÀ AZIENDALE - CASE HISTORY

Liquidità delle imprese: investire conviene!

In tempi di bilancio, ogni azienda si propone non solo di valutare l’andamento dei costi e dei ricavi, ma, a seguito della ripartizione degli utili, considera sempre come pianificare il futuro nel medio e lungo periodo consapevole che investire significa porre le basi per una crescita proficua e redditizia. Ma come investire la liquidità aziendale? Le offerte mediate dalle banche limitano le attività di investimento delle aziende a pacchetti predefiniti. Grazie a partner internazionali BIG propone formule mirate agli obiettivi di ciascuna impresa che garantiscono una maggiore elasticità di gestione della liquidità aziendale con vantaggi concreti sia dal punto di vista gestionale che di protezione dell’investimento.

Di seguito una case history di successo mediata da BIG INSURANCE BROKERS, che può orientarvi sulla vostra scelta.

N.B. I nomi sono stati volutamente oscurati per preservare la privacy del cliente.

Investire la liquidità aziendale: chi scegliere?

IL CASO: Viste le nuove commissioni introdotte dalla Banca di riferimento sul conto corrente, un’azienda di successo ha deciso di valutare nuove soluzioni d’investimento alternative per gestire efficientemente la propria liquidità aziendale.

LA PROPOSTA: La Banca X propone all’azienda un deposito vincolato ad un tasso prestabilito per una durata di 6 mesi ad un tasso annuo lordo del 1,50% (con un tasso effettivo al netto delle spese di 0,90%).

LA SOLUZIONE: L’azienda intende valutare soluzioni alternative a medio/lungo termine e scandagliando il mercato ritiene che un investimento in una polizza assicurativa potrebbe essere un’ottima soluzione. Non avendo le giuste informazioni per trovare la miglior soluzione l’azienda decide di affidarsi ad un consulente specializzato.  L’azienda trova in BIG Brokers, la società adatta per comprendere gli obiettivi e le esigenze dell’azienda ed individuare la soluzione migliore.

Il team di BIG Brokers, dalla sua esperienza pluriennale nelle soluzioni di investimento assicurative, dopo un’ampia analisi sull’azienda, sugli obiettivi e sulle esigenze le propone una soluzione innovativa di recente costituzione con diversi vantaggi.

IL CONTRATTO ASSICURATIVO

Si tratta di un contratto assicurativo vita di tipo multiramo di diritto lussemburghese tramite una delle più prestigiose compagnie assicurative sul mercato, caratterizzata dalla combinazione di un prodotto assicurativo con partecipazione agli utili e di un prodotto di investimento assicurativo di tipo unit-linked.

Relativamente alla parte investita nella Gestione Separata della compagnia, la società garantisce il capitale iniziale in ogni momento ed i rendimenti si consolidano annualmente. La parte finanziaria verrà investita in strumenti ETF multi-asset con diversi profili di rischio in collaborazione con una delle maggiori case produttrici a livello mondiale.

Data la tipicità del contraente, in questo caso un’azienda, ed i suoi obiettivi di lungo termine il team BIG Brokers ha consigliato un profilo conservativo mirato a consolidare la liquidità nel tempo senza l’esposizione ad elevati rischi e mantenendo una volatilità contenuta.

Tra le caratteristiche di questa soluzione, motivo per cui viene consigliata all’azienda, ci sono la semplicità, l’ampia personalizzazione e dei costi totali ampiamente sotto la media delle polizze offerte dagli altri competitor in circolazione.

I VANTAGGI DI INVESTIRE LA LIQUIDITÀ AZIENDALE CON BIG

La soluzione inoltre presenta i seguenti vantaggi per l’azienda:

  • La semplificazione contabile, con la polizza sarà necessario indicare solamente un dato nel bilancio della società senza rischi di errore (il valore o NAV al 31.12)
  • Copertura del rischio in caso decesso del Key Man, che può essere rafforzata ulteriormente sottoscrivendo una TCM
  • Regime fiscale semplificato, assoggettamento ad imposta di bollo con cap a 14.000 per anno, nessun assoggettamento ad imposta sostitutiva.

In merito ai rendimenti, la soluzione proposta, basandosi sui rendimenti storici degli ultimi 5 anni, ha ottenuto un rendimento annuo lordo del 4,20% con un profilo di rischio conservativo, i costi totali annui con un premio investito minimo non superano l’1,50%.

L’azienda, soddisfatta della soluzione, decide di procedere alla sottoscrizione versando un premio unico iniziale e programmando di effettuare ulteriori versamenti in futuro.

Vuoi sottoporre il tuo caso a un nostro consulente?

Scopri tutte le opportunità di investimento grazie a BIG!

*Le informazioni riportate non costituiscono contratto e non impegnano il broker o l’assicuratore per il quale valgono le condizioni contrattuali sottoscritte tra le parti. Leggere attentamente il set informativo di polizza prima della sottoscrizione.

Recent Posts